A cosa serve la CQC? Conseguimento, regole e rinnovo

A cosa serve la CQC? La CQC è un’abilitazione professionale necessaria per guidare veicoli per i quali sono richieste le patenti:

  • C1, C, C1E o CE
  • D1, D, D1E o DE

Chi l’ha conseguita prima del 18 aprile 2013 possiede una CQC formato card, quindi una tessera simile alla patente di guida, mentre a partire dal 19 aprile 2013 la CQC viene assegnata tramite il codice armonizzato 95 apposto sulla patente di guida.

In poche parole, nella colonna 12 sul retro della patente viene apposto il numero 95 (fra parentesi è indicata la scadenza della CQC stessa) sulla riga della patente alla quale si riferisce.

Come prendere la CQC?

La normativa ha creato 2 tipi di CQC:

  1. CQC merci: necessaria ai conducenti di veicoli per i quali è richiesta la patente C1, C, C1E o CE a partire dal 10 settembre 2009
  2. CQC persone: necessaria ai conducenti di veicoli per i quali è richiesta la patente D1, D, D1E o DE a partire da 10 settembre 2008

Per conseguirle è necessario:

  • Seguire un corso di formazione iniziale
  • Superare un esame a quiz

Esistono 3 tipi di corsi di formazione iniziale: quello ordinario da 280 ore, quello accelerato da 140 ore e quello per l’estensione (da merci a persone e viceversa) da 22 ore e mezzo.

Vista la lunghissima durata e l’elevato costo (parliamo di 4000/5000 €), sono assai rari i corsi ordinari: consideriamo che, addirittura, molte scuole guida non sanno nemmeno della sua esistenza. Solitamente si fanno presso le autoscuole, appunto, o le sedi dei Centri di Istruzione Automobilistica.

L’esame si compone di due parti: la parte comune (uguale per entrambe le abilitazioni e necessario solamente al conseguimento della prima CQC) e la parte specifica riguardante il trasporto merci se si fa la CQC merci, oppure il trasporto persone se si fa la CQC persone.

Dal 20 novembre 2019 l’esame CQC è diventato uno unico e comprende sia la parte comune che quella specifica (prima erano due prove distinte).

In caso di prima CQC l’esame è il seguente: 70 domande, 7 errori consentiti con 90 minuti di tempo.

In caso di estensione CQC (ho già la merci e voglio la persone e viceversa) l’esame è con: 30 domande, 3 errori consentiti con 40 minuti di tempo.

Ecco tutte le info e approfondimenti sul nuovo esame CQC 2019.

Vuoi sapere quali sono gli argomenti da studiare? Ecco gli articoli che ne parlano:

CQC non obbligatoria

Di recente, la normativa ha esteso l’obbligo della CQC praticamente a tutti i conducenti.

Sono comunque previsti dei casi di esenzione:

  • di velocità massima autorizzata non superiore ai 45 km/h
  • ad uso delle forze armate, della protezione civile, vigili del fuoco, delle forze di polizia e dei servizi di trasporto sanitario di emergenza
  • sottoposti a prove su strada a fini di perfezionamento tecnico, riparazione o manutenzione, o ai conducenti dei veicoli nuovi o trasformati non ancora immessi in circolazione
  • utilizzati per stati di emergenza o destinati a missioni di salvataggio, compresi i veicoli impiegati per il trasporto di aiuti umanitari a fini non commerciali
  • usati per lezioni ed esami di guida da candidati per prendere la patente o abilitazione professionale e da soggetti che frequentano formazione alla guida supplementare nell’ambito dell’apprendimento sul lavoro, a condizione che siano accompagnate da un istruttore di guida o da un’altra persona titolare della CQC
  • per il trasporto di merci o passeggeri a fini non commerciali
  • per il trasporto di materiale, attrezzature o macchinari utilizzati dal conducente nell’esercizio della propria attività, a patto che la guida dei veicoli non costituisca l’attività principale del conducente
  • che operano in zone rurali per approvvigionare l’impresa stessa del conducente
  • che non offrono servizi di trasporto
  • utilizzati o noleggiati senza conducente da imprese agricole, orticole, forestali, di allevamento o di pesca per il trasporto di merci nell’ambito della loro attività di impresa, tranne quando la guida rientra nell’attività principale del conducente o supera la distanza di 50 km dal luogo in cui si trova l’impresa stessa
  • il cui trasporto è occasionale e non incidente sulla sicurezza stradale

Per trasporto “occasionale” si intende “svolto da conducenti che non hanno la qualifica di conducenti professionali e purché la specifica attività di autotrasporto non costituisca la fonte principale di reddito”.
Per trasporto “non incidente sulla sicurezza stradale” si intende “svolto in conformità alle pertinenti normative sulla circolazione stradale”.

A luglio 2021 il Ministero è intervenuto con una serie di chiarimenti.

Il primo riguarda l’esenzione della CQC per il “trasporto di merci o passeggeri a fini non commerciali“. I “trasporti a fini non commerciali” sono tutti quei trasporti senza remunerazione svolti nell’ambito di attività senza scopo di lucro (per esempio le onlus). Non sono comprese quindi le imprese che guidano questi veicoli nell’esercizio delle loro attività. Anche se non ne hanno un ricavo diretto.

Il secondo chiarimento riguarda i trasporti in conto proprio. Non è obbligatoria la CQC quando sono presente entrambi i fattori seguenti:

  • la guida non è l’attività principale. Avviene quando il conducente trascorre alla guida meno del 30% dell’orario di lavoro mensile continuativo
  • il materiale deve essere utilizzato dal conducente nell’esercizio della propria attività

Per esempio può guidare senza CQC un muratore che guida il camion saltuariamente per recarsi in cantiere insieme al materiale da costruzione. Serve la CQC nel momento in cui guida più del 30% del suo orario lavorativo oppure trasporta il materiale per altre imprese edili o un altro cliente.

Patente e CQC insieme

Molto spesso, per risparmiare denaro e ottimizzare i tempi delle lezioni di teoria e delle guide si procede al conseguimento congiunto di entrambe le abilitazioni.

Si tratta di effettuare, nell’ordine, l’esame di teoria della patente, poi quelli della CQC e per ultimo quello di guida.

Al termine si ottengono quindi sia la patente che la CQC persone.

Per sapere come fare, ecco patente C e CQC merci insiemepatente D e CQC persone insieme.

Per avere un’idea della spesa, ecco il costo patente C CQC merci e il costo patente D CQC persone.

Scadenza e rinnovo della CQC

La CQC ha una durata di validità di 5 anni. Per rinnovarla bisogna seguire un corso di formazione periodica di 35 ore che si svolge solitamente presso le autoscuole. Non è previsto alcun esame.

Attenzione: se la CQC è scaduta da più di 2 anni si deve frequentare il corso di formazione periodica (35 ore) e sostenere nuovamente gli esami (cosiddetti esami di ripristino).

La nuova CQC appena rinnovata è di nuovo valida per altri 5 anni. Per approfondire, leggi il nostro articolo sul rinnovo della CQC.

Mattia Zorzetto

Mattia Zorzetto

Insegnante e istruttore di scuola guida dal 2015. Creatore di Portale Patente

3 risposte

  1. Salve ho il Cqc persone scaduto da oltre 2 anni, e il Cqc merci che scade a settembre 2018 al momento del rinnovo (quello da 35 ore)del Cqc merci mi verra sostituita anche la patente con il nuovo Cqc merci?E mi verra cancellata la Cqc persone ormai scaduta? Cosi’ che sulla patente rimarra’ soltanto il Cqc merci?Grazie Claudio.

    1. Buongiorno sig. Claudio
      La normativa prevede che per riottenere una CQC scaduta da oltre 2 anni bisogna rifare il corso di formazione iniziale da 140 ore più gli esami.
      Se invece la CQC è scaduta da meno di 2 anni è sufficiente il corso di rinnovo (cosiddetto di formazione periodica) da 35 ore.
      Nel Suo caso, con il rinnovo della CQC merci verrà emessa una nuova patente di guida con il codice 95 (che indica il conseguimento della CQC) a fianco della patente C (ed eventuale anche della CE se la possiede). Non verrà indicata la CQC persone perché, come detto sopra, per riottenerla non è sufficiente la “normale” procedura di rinnovo.
      Se è prossima anche la scadenza della patente di guida, può scegliere di rinnovare anch’essa in un’unica procedura in modo che venga emesso un unico duplicato.

      Per info sul RINNOVO DELLA CQC:
      https://portalepatente.it/rinnovo-della-cqc/

    2. Alla luce della nuova Circolare Ministeriale del 21/12/2017, relativamente al Suo caso, aggiorno quanto segue:

      1) è sufficiente frequentare un unico corso di aggiornamento (formazione periodica) di 35 ore per il rinnovo di entrambe (non da 140 ore come precedentemente avevo scritto).

      2) per il rinnovo della CQC merci sono necessari 2 versamenti: € 32,00 su c/c 4028 e € 10,20 su c/c 9001. La nuova scadenza è calcolata a partire dalla data di presentazione dell’istanza di rinnovo.

      3) per il rinnovo della CQC persone i versamenti sono 3: due da € 16,00 su c/c n. 4028 e uno da € 16,20 su c/c n. 9001. Per tale rinnovo deve sostenere gli esami (cosiddetti “esami di ripristino”) sulla parte comune e parte specifica trasporto persone. L’esito negativo di tali esami non ha effetti sulla CQC merci che resta valida. La nuova scadenza è calcolata a partire dalla data di superamento dell’esame sulla parte specifica.

      Le due CQC rinnovate avranno validità di 5 anni con due scadenze distinte, calcolate come detto sopra.
      Per la CQC persone può, in qualsiasi momento, chiederne il rinnovo e affrontare gli esami di ripristino.
      Resta nelle Sue facoltà rinunciare ad una o entrambe le CQC e mantenere unicamente la patente di guida.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale