Patente A2 avendo la B

ULTIMO AGGIORNAMENTO:

Siamo già in possesso di patente B e vogliamo fare la A2 per poter guidare moto più “grandi” dei soli 125 cm³: che cosa ci occorre? Vediamo cosa fare per la patente A2 avendo la B:

  • iscriversi in autoscuola o Motorizzazione
  • esercitarsi con il foglio rosa
  • superare l’esame di guida

Siamo liberi di scegliere se fare il tutto da privatisti o meno: non ci sono ore di guida obbligatorie in autoscuola.

Patente A2 avendo la B

Chi è già in possesso della patente B non deve sostenere alcun esame di teoria perché la prova della A2 è identica a quella già superata.

Per cominciare bisogna iscriversi: i privatisti devono recarsi in Motorizzazione, mentre agli altri è sufficiente scegliere l’autoscuola che più li aggrada.

Vuoi l’elenco completo di tutti i documenti, bollettini e certificati necessari? Abbiamo preparato l’articolo sui documenti patente A2.

I giorni seguenti l’iscrizione viene emesso il foglio rosa. Tale documento vale 6 mesi e consente di effettuare al massimo due esami di guida.

Le esercitazioni con la moto, non essendoci il posto per il passeggero a fianco del conducente, si possono fare senza istruttore a patto che si viaggi in luoghi poco frequentati.

Dopo almeno 1 mese dal rilascio del foglio rosa possiamo sostenere l’esame di guida. Tale prova consiste in 3 fasi:

  • domande dell’esaminatore e preparazione alla guida (clicca qui per approfondire)
  • percorsi su area chiusa
  • guida in condizioni di traffico urbano ed extraurbano

In caso di bocciatura bisogna attendere almeno 1 mese per il secondo tentativo.

Per scadenza del foglio rosa o seconda bocciatura è necessario effettuare una nuova iscrizione da capo, seguendo nuovamente la procedura descritta sopra.

Vuoi conoscere tutti i dettagli della prova e le novità sui nuovi percorsi in vigore dal 2019? Ecco a te l’articolo sull’esame pratico patente A2.

La patente A2 permette le guida di motocicli con:

  • potenza massima 35 kW
  • rapporto potenza-peso non superiore a 0,2 kW/kg
  • se depotenziata, la moto “di origine” non deve superare i 70 kW

Per approfondire, vai all’articolo che spiega cosa guidare con la patente A2.

Patente A2 Motorizzazione

I privatisti possono affrontare l’esame con una moto di proprietà, prestata da un soggetto terzo, noleggiata o messa a disposizione da una scuola guida.

Il candidato privatista, il giorno dell’esame, deve mettere a disposizione dell’esaminatore un’auto (regolarmente assicurata) che ospiti l’esaminatore (si noti che l’auto dev’essere guidata da qualcuno perché l’esaminatore è impegnato nel dare le indicazioni al candidato).

Interessato ai costi della patente A2 in autoscuola e da privatista? Ecco a te l’articolo sul costo della patente A2 e sul costo patente A2 privatista.

10 Commenti

  1. Salve Mattia,mi sono appena scritto per la patente A, ma purtroppo mi si è rotta la moto che avevo in prestito da mio fratello,sono ancora in tempo per cambiare da patente con marce a automatica?

  2. Grazie Mattia. Anch’io ho già la patente B e vorrei avere la patente A.
    Ho un elenco di documenti da partare di cui un Certificato Medico in bollo da 16 euro con foto. Ma viene richiesto anche alle persone come me che hanno già la B in mano?
    P.s. : l’elenco di documenti che ho io è generico, non è specifico per quelli cha hanno già la B. Cosa ne pensi?

    Grazie
    Rodrigo

  3. Io ho la patente della macchina e quindi devo solo esercitarmi avendo già il foglio rosa per la moto.
    La mia domanda è per esercitarmi con la moto durante il periodo di foglio rosa posso guidare qualsiasi tipo di moto? Grazie

    • Puoi guidare le moto che ti permette di guidare la patente A2: potenza max 35 kW e rapporto potenza/peso max 0,2 kW/kg

      In più, se la moto è depotenziata la versione di origine non deve avere potenza superiore a 70 kW

      Non c’è nessun vincolo sulla cilindrata

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.