In questo articolo ti parlo delle patenti di categoria A. Scoprirai quale categoria puoi conseguire in base alla tua età e quali veicoli puoi guidare. Inoltre conoscerai il funzionamento dei vari esami e tutte le regole del foglio rosa. Con questa guida sulla patente A avrai una panoramica completa che ti permette di muoverti in autonomia fra i vari uffici competenti.

Patente A età minima

La prima cosa che devi sapere è quale categoria di patente puoi conseguire. Ne hai 3 a disposizione:

  • Patente A1: 16 anni di età
  • Patente A2: 18 anni di età
  • Patente A: 24 anni di età

Per la patente A puoi avere meno di 24 anni se hai la patente A2 da almeno 2 anni.

Una cosa importante. Per iscriverti alla patente devi avere già l’età minima. Non puoi farlo in anticipo.

Cosa posso guidare?

Le moto patente A che puoi guidare dipendono dalla categoria che possiedi. Il passaggio ad una categoria superiore non è automatico. Devi sostenere l’apposito esame pratico di guida.

Ricorda inoltre che puoi trasportare passeggeri se il veicolo è omologato per 2 persone e hai almeno 16 anni di età. Non è più necessario essere maggiorenni.

Patente A1: cosa posso guidare?

Con la patente A1 puoi guidare i seguenti veicoli:

  • Motocicli di cilindrata massima 125 cm3, potenza massima 11 kW e rapporto potenza/peso massimo 0,1 kW/kg
  • Tricicli di potenza massima 15 kW
  • Macchine agricole con le seguenti caratteristiche: lunghezza massima 4 m, larghezza massima 1,60 m, altezza massima 2,50 m e massa massima fino a 2,5 tonnellate
  • Veicoli che richiedono la patente AM, ossia i ciclomotori a 2, 3 e 4 ruote

Trovi questi dati nella carta di circolazione del veicolo (il cosiddetto libretto). Nello specifico:

  • Cilindrata: lettera P.1
  • Potenza: lettera P.2
  • Rapporto potenza/peso: lettera Q
  • Massa massima: lettera F.2

Patente A2: cosa posso guidare?

Ecco le moto patente A2 che puoi guidare:

  • Motocicli di potenza massima 35 kW e rapporto potenza/peso massimo 0,2 kW/kg
  • Veicoli che richiedono la patente A1
  • Veicoli che richiedono la patente AM, ossia i ciclomotori a 2, 3 e 4 ruote

Se guidi una moto depotenziata, la potenza originaria non deve essere superiore a 70 kW.

Trovi questi dati nella carta di circolazione del veicolo (il cosiddetto libretto). Nello specifico:

  • Potenza: lettera P.2
  • Rapporto potenza/peso: lettera Q

Patente A: cosa posso guidare?

Ecco le moto patente A che puoi guidare:

  • Motocicli di qualsiasi potenza e cilindrata
  • Tricicli di potenza superiore a 15 kW se hai più di 21 anni di età
  • Veicoli che richiedono la patente A2, A1 e AM (cioè i ciclomotori a 2, 3 e 4 ruote)

Trovi la potenza del veicolo alla lettera P.2 della carta di circolazione (il libretto).

Con la patente A si possono condurre tutti i motocicli? Certamente. Senza limitazioni di cilindrata e potenza.

Con la patente A si possono guidare tutte le macchine agricole? No. Serve la patente B. La sola patente A permette la guida di macchine agricole con le seguenti caratteristiche:

  • Lunghezza massima 4,00 m
  • Larghezza massima 1,60 m
  • Altezza massima 2,50 m
  • Massa massima fino a 2,5 tonnellate

Per condurre macchine operatrici è necessario essere titolari della patente A? No. Per le macchine operatrici non eccezionali serve la patente B. Per quelle eccezionali la patente C o C1.

Moto patente B

Con la patente B puoi guidare determinate moto. Per capire quali, devi fare riferimento alla data di conseguimento della patente. La trovi nella parte frontale del documento (sezione 4.a).

Data conseguimento patente BMoto ammesseGuida in UE
Entro il 31/12/1985Patente A
Fra il 01/01/1986 e il 25/04/1988Patente ANo
Dal il 26/04/1988Patente A1No

Per poter guidare anche in UE (ultimi 2 casi), devi sostenere apposito esame di guida.

Patente A limitazione 78

Se fai l’esame di guida con motociclo dotato di cambio automatico avrai la patente A con codice 78. Significa che puoi guidare solamente veicoli con cambio automatico.

La patente A limitazione 78 decade se fai un nuovo esame con moto dotata di cambio manuale. Ti viene quindi rilasciata una nuova patente nella quale non c’è più il codice 78.

Iscrizione patente A

La procedura di iscrizione è identica per le 3 categorie di patente. Ti ricordo che la puoi fare solo dopo aver compiuto l’età minima.

Sei libero di scegliere se fare la patente da privatista, oppure alla scuola guida. In alternativa puoi scegliere una via “ibrida”. Teoria da privatista e pratica alla scuola guida o viceversa.

Se fai la patente da privatista l’ufficio di riferimento è la Motorizzazione Civile. Se la fai in autoscuola è, ovviamente, la scuola guida.

I documenti patente A, A2 e A1 sono uguali per tutti, privatisti e non privatisti. Inoltre, cambiano se sei esonerato dall’esame di teoria. Ecco cosa ti serve per l’iscrizione:

  • modulo TT2112 (è la domanda di conseguimento patente)
  • attestazioni di versamento dei 4 bollettini seguenti (disponibili prestampati in Motorizzazione o alle Poste):
    • € 26,40 sul c/c postale n. 9001
    • € 16,00 sul c/c postale n. 4028
    • € 16,00 sul c/c postale n. 4028
    • € 16,00 sul c/c postale n. 4028 (necessario per il certificato medico)
  • certificato anamnestico rilasciato dal proprio medico di base
  • ricevuta del certificato medico di un ufficiale sanitario
  • copia di un documento d’identità (non vale la ricevuta della richiesta di rilascio della Carta d’Identità Elettronica)
  • fotocopia del codice fiscale
  • 3 foto tessera recenti e a capo scoperto (eccetto per motivi religiosi)
  • nel caso di candidato minorenne: copia di un documento d’identità di un genitore (o tutore)
  • copia della patente eventualmente posseduta
  • nel caso di candidato extracomunitario: permesso di soggiorno

Nelle regioni Sicilia, Valle d’Aosta, Trentino Alto Adige e Friuli Venezia Giulia i bollettini hanno importi e intestazioni diverse da quelle sopra indicate. Consulta i siti delle rispettive Motorizzazioni per conoscere i versamenti corretti.

Esame teorico patente A

Si tratta dello stesso esame a quiz della patente B. È identico per le patente A1, A2 e A. Consiste in:

  • 40 quiz ai quali rispondere vero o falso
  • 4 errori consentiti (dal 5° in poi sei bocciato)
  • 30 minuti di tempo massimo (40 minuti per chi ha una certificazione DSA)

Non devi fare l’esame di teoria sei già in possesso di un’altra patente (eccetto la patente AM).

L’esame va fatto entro 6 mesi dall’iscrizione. Non c’è un tempo minimo di attesa. Hai al massimo 2 tentativi a disposizione. In caso di bocciatura, per il secondo tentativo devi attendere almeno 1 mese.

Grazie alle proroghe Covid, hai 1 anno di tempo (e non 6 mesi) per fare l’esame teorico. Se ti sei iscritto nel 2020, devi superarlo entro il 31 dicembre 2021.

Esame pratico patente A

Puoi sostenere l’esame di guida dopo almeno 1 mese dal rilascio del foglio rosa. Il rilascio avviene al superamento dell’esame di teoria, oppure all’iscrizione se non devi effettuarlo.

Ti ricordo che non devi fare l’esame teorico se sei già in possesso di un’altra patente. Se invece hai solo la patente AM, devi sostenerlo.

La prova pratica è identica per le 3 categorie. Cambia solamente la moto da guidare. L’esame di guida per la patente A1, A2 e A articola su 3 fasi:

  1. Domande
  2. Percorsi
  3. Guida

Domande esame pratico patente A

Le domande esame pratico patente A riguardano:

  • preparazione alla guida
  • comandi principali della moto
  • verifica e manutenzione del veicolo

Per quanto riguarda la preparazione alla guida si tratta di indossare l’abbigliamento obbligatorio e riconoscere la targhetta di omologazione.

Devi avere casco, giacca con protezione di gomiti e spalle, paraschiena centrale (eventualmente integrato nella giacca), protezioni alle ginocchia (eventualmente integrate nei pantaloni) e scarpe/stivali chiusi.

Per quanto riguarda le domande sui comandi del veicolo, devi semplicemente saperli attivare.

Ti può chiedere di attivare i fari, il clacson, l’interruttore di emergenza e i freni. Devi inoltre saper riconoscere le eventuali spie che si accendono le display.

Le domande sulla manutenzione della moto riguardano pneumatici, verifica dei livelli (olio motore, olio dei freni e liquido di raffreddamento). Devi inoltre saper controllare il corretto tensionamento della catena ed eventuali anomalie al manubrio.

Percorso patente A, A2 e A1

La seconda fase dell’esame di guida consiste nell’effettuare dei percorsi in area chiusa. Dal 2019 i percorsi sono diventati 2 e sono a tempo. Dimensioni e tempi da rispettare sono identici per le patenti A1, A2 e A.

Percorso 1: slalom, tornante e corridoio stretto. Tempo MINIMO di 15 secondi.

esame pratico della patente a percorso 1

Percorso 2: slalom veloce, tornante, evitamento ostacolo e frenata di precisione. Tempo MASSIMO di 25 secondi.

esame pratico della patente a percorso 2

Guida patente A

L’esame si conclude con la fase di circolazione su strada. Si tratta di una guida di circa 25 minuti in ambito prevalentemente urbano.

Devi gestire correttamente la moto e rispettare le varie regole stradali.

Moto da usare all’esame

Come già detto prima, l’unica differenza dell’esame pratico per le 3 categorie di patente è la moto che guidi.

Ecco le caratteristiche richieste:

  • Patente A1: cilindrata di almeno 120 cc (con tolleranza di 5 cc), potenza max 11 kW e rapporto potenza/peso max 0,1 kW/kg (almeno 0,08 se ha motore elettrico). La moto deve poter raggiungere almeno i 90 km/h
  • Patente A2: cilindrata di almeno 250 cc (con tolleranza di 5 cc), potenza fra 20 e 35 kW e rapporto potenza/peso max 0,2 kW/kg (almeno 0,15 se ha motore elettrico)
  • Patente A: cilindrata di almeno 600 cc (con tolleranza di 5 cc), potenza almeno 50 kW e massa a vuoto maggiore di 180 kg (con tolleranza di 5 kg). Se con motore elettrico, il rapporto potenza/peso deve essere di almeno 0,25 kW/kg

Non devi per forza indicare le caratteristiche della moto all’atto dell’iscrizione. Puoi farlo anche successivamente.

Foglio rosa patente A

Il foglio rosa patente A ti permette di guidare in preparazione all’esame pratico di guida.

Ti viene dato quando ti iscrivi oppure dopo aver superato l’esame di teoria, se devi effettuarlo.

Ti ricordo che non devi fare l’esame teorico se sei già in possesso di un’altra patente. Se invece hai solo la patente AM, devi sostenerlo.

Il foglio rosa vale 6 mesi. Hai diritto a 2 tentativi d’esame. Il primo lo puoi fare dopo almeno 1 mese dal rilascio del foglio rosa. Il secondo dopo almeno 1 mese dalla bocciatura.

In caso di scadenza o seconda bocciatura, devi rifare l’iscrizione. Ottieni così un secondo foglio rosa che ha le stesse regole del primo. Sostanzialmente “ricominci da capo”.

Foglio rosa patente A limitazioni

Il foglio rosa patente A ti permette di guida solamente nel territorio italiano. Porta sempre con te la patente o la carta d’identità.

Puoi guidare tutti i veicoli ammessi per la categoria che stai conseguendo. Non devi avere un accompagnatore come per la patente B. Puoi guidare da solo però solo in luoghi poco frequentati.

Sei soggetto ai limiti di velocità specifici dei neopatentati. 90 km/h nelle strade extraurbane principali e 100 km/h in autostrada. In più, puoi occupare solamente le prime due corsie più a destra.

Foglio rosa patente A passeggero

Posso portare un passeggero con il foglio rosa patente A? Sì, a patto che la moto sia omologata per 2 persone. Inoltre, non puoi portare passeggeri se guidi in autostrada oppure in condizioni di visione notturna.

Puoi quindi farlo durante il giorno nelle strade urbane ed extraurbane secondarie.

Tali regole valgono per tutte e 3 le categorie, anche per la patente A1. Il conducente deve infatti avere almeno 16 anni. Non più 18 come un tempo.

Quanto ti costa la patente? Ho preparato gli articoli che ne parlano in modo approfondito. Clicca su quello che ti interessa:

2 Commenti

  1. Al momento del rilascio del foglio rosa per la patente A senza limitazioni ( ho già la B e 24 aa compiuti ) mi è stato detto che posso circolare solo senza passeggero, quale è la norma attuale?
    Grazie
    Nicola Bottino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.