Patente D1 da privatista alla Motorizzazione

La patente D1, utile per guidare i minibus, serve a chi non ha ancora l’età per la D senza limitazioni. L’esame di teoria si può fare per conto proprio da privatisti, mentre quello di pratica necessita di una scuola guida. Per fare la patente D1 da privatista dobbiamo:

  • avere la patente B e almeno 21 anni
  • iscriverci in Motorizzazione
  • fare l’esame di teoria
  • iscriverci in autoscuola per l’esame di pratica
  • fare la prova pratica

Vuoi sapere quanto costa tale soluzione? Ecco a te il costo patente D1 da privatista.

Patente D1 da privatista

Per iscriversi è necessario consegnare i documenti in Motorizzazione.

Si tratta di andare dal proprio medico di base a fare il certificato anamnestico, fare il certificato medico (per esempio dall’ufficiale sanitario in autoscuola), pagare dei bollettini e consegnare i propri documenti personali.

Serve l’elenco completo? Ecco a te i documenti necessari patente D1.

L’esame di teoria va prenotato scegliendo fra le date disponibili.  diSi tratta una prova con 20 quiz ai quali rispondere VERO o FALSO. Sono consentiti al massimo 2 errori.

Ecco che cosa viene chiesto: esame teorico della patente D1.

Superata la teoria, andiamo in autoscuola perché il minibus dell’esame deve avere i doppi comandi e l’istruttore.

Non ci sono guide obbligatorie e solitamente 3 o 4 ore sono sufficienti. Tutto dipende dalle abilità del candidato e dalla sua eventuale possibilità di esercitarsi “a casa” per conto proprio con il foglio rosa.

Trovi qui le regole del foglio rosa.

Si hanno a disposizione 6 mesi e due tentativi per superare la prova pratica. 

Il foglio rosa emesso dal 10 novembre 2021 in poi, vale invece 1 anno e ti concede 3 tentativi d’esame.

L’esame consiste in 3 fasi:

  1. preparazione alla guida ed eventuali domande sulla sicurezza
  2. retromarcia in curva
  3. guida nel traffico: centro abitato e autostrada

Vuoi saperne di più? Ecco a te esame pratico della patente D1.

Patente D1 e CQC persone

Per guidare veicoli che richiedono la patente D, la sola patente non basta. È necessario conseguire anche la CQC, cioè la Carta di Qualificazione del Conducente.

Si tratta di un’abilitazione professionale che richiede la frequenza obbligatoria di un corso teorico-pratico e il superamento di un’esame a quiz.

È divenuta ormai sempre obbligatoria, salvo alcuni specifici casi di esenzione che trovi in questo articolo.

Mattia Zorzetto

Mattia Zorzetto

Insegnante e istruttore di scuola guida dal 2015. Creatore di Portale Patente

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale