Esame pratico della patente B

Per prendere la patente devi superare l’esame di teoria e quello di guida. Con il primo dimostri di conoscere le regole della circolazione stradale e di buon uso del veicolo. Con il secondo riveli la tua abilità nel metterle in pratica e nel guidare l’autovettura. In questo articolo ci concentriamo proprio sulla prova pratica. L’esame guida patente B consiste in 3 fasi:

  1. Domande dell’esaminatore
  2. Manovre
  3. Guida vera e propria

Esame guida patente B

L’autovettura usata per l’esame deve avere i doppi comandi e a bordo è obbligatoria la presenza di un istruttore. Inoltre, per la patente B, sono previste 6 ore di guida certificate presso un’autoscuola. Tutto ciò significa che non è possibile fare l’esame di guida da privatisti.

La prova è suddivisa in 3 fasi. La cosa importante che devi assolutamente ricordare è che per accedere alla fase 2 devi superare la 1. Ugualmente, arrivi alla terza fase solo se superi la seconda.

Ciò significa devi essere idoneo alle domande per poter effettuare le manovre. E ovviamente per poter effettuare la guida vera e propria su strada (fase 3), devi realizzare le manovre nel modo corretto.

Analizziamo il funzionamento di ogni singola fase.

Domande esame guida patente B

L’esame pratico patente B comincia con delle domande da parte dell’esaminatore. Sono principalmente quesiti sui vari comandi del veicolo e sulla manutenzione.

Questa fase dura qualche minuto. Se sei preparato e rispondi con sicurezza, in 2 o 3 minuti te la cavi.

È importante cominciare con il piede giusto. Serve a darti coraggio e fiducia per le fasi successive. Se dai una buona impressione, l’esaminatore sarà più propenso a perdonare delle piccole sbavature durante le manovre o la guida.

Non sottovalutare inoltre il fattore emotivo. L’esame è un momento di grande agitazione. Ti blocca e non riesci a pronunciare frasi di senso compiuto. Preparati adeguatamente a questa prima fase di domande. Allenati a casa.

Prepara delle risposte e ripetile più e più volte. In questo modo il discorso da fare all’esame uscirà in automatico. L’agitazione non ti bloccherà perché saprai già cosa dire. Proprio per aiutarti in questo, ho realizzato un manuale in PDF con tutte le possibili domande dell’esaminatore. Ti spiega come rispondere nel modo corretto ed è ricco di immagini per i vari modelli di veicolo.

In ansia per le domande dell'esame pratico della patente B?

Con il manuale “DOMANDE ESAME PRATICO” rispondi come vuole l’esaminatore e prendi subito la patente!

Manovre esame pratico patente

Superata la prima fase di domande passi alla seconda. Le manovre. Viene richiesto di effettuare:

  • retromarcia in rettilineo oppure in curva
  • inversione di marcia
  • parcheggio a “S” oppure a “L”

Con la normativa Covid, per ridurre i tempi di permanenza all’interno del veicolo, spesso ne viene chiesta una sola, a scelta dell’esaminatore. In ogni caso devi essere preparato per tutte e tre perché non sai quale ti chiede.

Le manovre si effettuano in area chiusa o comunque poco trafficata. Ciò ti aiuta perché non hai la pressione del traffico.

Sul canale YouTube di Portale Patente trovi tutti i tutorial su come fare correttamente le varie manovre. Ti lascio un paio di esempi.

Guida esame pratico patente

L’ultima fase dell’esame pratico della patente B prevede, ovviamente, la guida su strada.

Dura all’incirca 25 minuti e il percorso (nell’ambito della sede dell’autoscuola) copre strade urbane ed extraurbane. C’è anche la possibilità di percorrere brevi tratti di autostrada, per verificare l’entrata e uscita corretta. Dipende molto dalla disponibilità della zona.

Applica tutte le regole imparate durante la teoria. Dimostra di saper gestire il veicolo. Usa correttamente le varie marce, non “rispiarmiarle”. Fai vedere la tua capacità di “stare per strada” adattandoti alle varie situazioni concrete e impreviste che trovi durante la guida. Usa gli specchietti retrovisori e dimostra di essere prudente quando serve.

La guida dell’esame è del tutto simile a quelle finali che effettui con l’autoscuola. Applica i vari suggerimenti dell’istruttore e non “inventarti” regole nuove. Percorri i vari tratti di strada come hai sempre fatto con la scuola guida. L’esame richiede gli stessi criteri.

Tempistica esame pratico patente

L’esame pratico si può fare solamente dopo aver superato quello di teoria. La possibilità di esercitarsi e di affrontare l’esame è legata al foglio rosa. È il documento che consente di mettersi al volante prima di avere la patente.

Ovviamente non lo puoi fare da solo. Devi avere a fianco l’istruttore dell’autoscuola oppure una persona che ha la funzione di accompagnatore. Quest’ultimo deve avere almeno 10 anni di patente (oppure una di categoria superiore) e massimo 65 anni.

Il foglio rosa vale 6 mesi. Ciò significa che hai 6 mesi di tempo (da quando passi la teoria) per superare l’esame di guida. Hai due tentativi a disposizione.

Per il primo tentativo devi aspettare almeno 1 mese dal rilascio del foglio rosa. Anche per la seconda possibilità devi attendere almeno 1 mese dalla bocciatura.

Quanti errori all’esame di guida?

Si può sbagliare all’esame di guida? Mi bocciano subito? Quanti errori posso fare?

Pochi anni fa il Ministero ha emanato una circolare che parla proprio di questo. In sintesi è previsto che l’esaminatore tenga conto del particolare stato emotivo del candidato. Inoltre aggiunge che esistono degli errori gravi che portano alla bocciatura immediata e altri che, da soli, non significano bocciatura.

L’esaminatore valuta la prova nel suo complesso. Ti promuove o ti boccia in base al rispetto delle regole stradali, alla prudenza usata nelle situazioni di rischio e al senso di sicurezza che gli hai trasmesso durante l’esame.

Gli errori gravi più comuni che comportano la bocciatura sono l’eccesso di velocità, il mancato uso delle cinture di sicurezza e le mancate precedenza agli incroci e alle strisce pedonali o ciclabili. Ovviamente si ha bocciatura anche se l’istruttore deve intervenire per evitare un incidente.

I piccoli errori e le imprecisioni comportano la bocciatura quando si sommano fra loro. Quando cioè la guida è nel complesso poco precisa e disattenta. Quando non si è prudenti in molte situazioni. È, come già detto, un giudizio complessivo della prova, dall’inizio alla fine.

Bocciatura esame pratico patente

Come già detto prima, in caso di bocciatura bisogna attendere almeno 1 mese per il secondo tentativo. Ovviamente il foglio rosa non deve essere scaduto.

In caso di seconda bocciatura o scadenza del foglio rosa, lo devi rifare. Effettui una nuova iscrizione e, chiedendo il riporto del foglio rosa, salvi l’esame di teoria. Riparti direttamente dalle guide.

Questo riporto va chiesto entro 2 mesi dalla scadenza del foglio rosa. In caso contrario devi rifare anche l’esame di teoria.

Il nuovo foglio rosa ha le stesse regole del precedente. Vale 6 mesi e consente due tentativi d’esame. Bisogna aspettare almeno 1 mese per il primo tentativo.

In ansia per le domande dell'esame pratico della patente B?

Con il manuale “DOMANDE ESAME PRATICO” rispondi come vuole l’esaminatore e prendi subito la patente!


Link utili

Arrivati a questo punto hai un’idea chiara di come funziona l’esame guida patente B. Ti lascio una serie di link ad articoli che ti saranno utili:

In ansia per le domande dell'esame pratico della patente B?

Con il manuale “DOMANDE ESAME PRATICO” rispondi come vuole l’esaminatore e prendi subito la patente!

6 Commenti

  1. Mettiamo caso che ad un incrocio ci sia un segnale raffigurante la direzione obbligatoria a sinistra.

    In tal caso, devo azionare l’indicatore di direzione prima di svoltare appunto, a sinistra?

  2. Salve se sono stato bocciato due volte alla guida( con la scuola guida ) sono costretto a iscrivermi alla scuola guida per fare la guida ? posso farlo da privatista?

    • Salve, no si può anche da privatisti perché le guide obbligatorie sono già state fatte e ancora valide (fatti rilasciare l’attestato).
      Attenzione però che all’esame bisogna avere un veicolo con doppi comandi e istruttore abilitato

  3. Salve, volevo chiedere siccome mio figlio doveva fare l’esame pratico della patente B…e’ successo che l’ipettore gli ha chiesto due cose del vano motore e lui non ha risposto..la risposta dell’ispettore…non puoi fare la guida…bocciato. Vorrei un suo parere…grazie

    • Buonasera, come descritto nell’articolo l’esame si compone di 3 fasi. L’accesso alla seconda e successivamente alla terza fase è deciso dall’esaminatore che discrezionalmente esprime un giudizio. Per decidere una bocciatura quindi, non per forza il candidato deve “arrivare fino in fondo”, ma l’esame può essere interrotto anche prima.
      Capita spesso che quando l’allievo non risponde correttamente alle domande, l’esaminatore decida di dare una seconda possibilità facendogli fare le manovre per capire se è un problema di preparazione o magari solo di agitazione.
      È chiaro che tutto ciò non è una regola, ma semplicemente una scelta dell’esaminatore che “fa il buono”.
      Da come mi dice Lei, diciamo che, anche se rispettando le regole (la prova non è superata in quanto non ha risposto correttamente alle domande), è stato molto fiscale nel giudizio.
      Spero di essere stato completo nella risposta, in caso contrario sono a disposizione

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.