Esame pratico patente A1

L’ultima fase prima del conseguimento di una patente è la prova pratica. L’esame pratico patente A1 si articola in 3 fasi:

  1. Preparazione alla guida e domande
  2. Percorsi in area chiusa
  3. Prova di circolazione nel traffico

Il foglio rosa vale 6 mesi: entro questo periodo sono concesse al massimo 2 possibilità. Inoltre, per il primo tentativo è necessario attendere almeno 1 mese.

Esame pratico patente A1

La fase 1 si apre con il candidato che deve indossare casco integrale, giacca con protezioni dei gomiti e delle spalle, guanti, scarpe o stivali chiusi, pantaloni lunghi con protezioni alle ginocchia e paraschiena centrale.

Vengono poi fatte delle domande che possono riguardare la conoscenza del mezzo, la posizione dei comandi e la manutenzione del veicolo (controllo pneumatici e livelli dei liquidi).

Percorsi in area chiusa

La seconda fase consiste nel realizzare dei percorsi in area chiusa. È importante tenere una velocità adeguata, non abbattere i coni, non poggiare il piede a terra e non uscire dai confini di ogni singolo percorso. Dal 2019, i percorsi sono due.

1) Slalom – curva – corridoio. Tempo MINIMO 15 secondi

Esame pratico patente A1 percorso 1
Esame pratico patente A1 – Percorso 1

2) Slalom – curva – evitamento ostacolo – frenata di precisione (la seconda e terza immagine sono degli ingrandimenti del percorso). Tempo MASSIMO 25 secondi

Esame pratico patente A1 percorso 2
Esame pratico patente A1 – Percorso 2
Esame pratico patente A1 percorso 2 dettaglio
Parte iniziale del percorso 2
Esame pratico patente A1 percorso 2 dettaglio 1
Parte finale del percorso 2

Circolazione nel traffico

L’ultima fase è la prova di circolazione nel traffico. L’esaminatore ti segue in auto e ti fornisce tutte le indicazioni sul percorso tramite auricolare. Questa prova dura circa 25 minuti e copre strade urbane ed extraurbane.

Ricorda: se fai l’esame con il cambio automatico, una volta conseguita la patente potrai guidare SOLO veicoli con automatico.

Per togliere la limitazione devi sostenere un ulteriore esame pratico su un mezzo dotato di cambio manuale (è consigliato quindi utilizzare direttamente una moto con quest’ultimo tipo di cambio).

Se vuoi sapere come passare da una patente della moto ad un’altra leggi il nostro articolo su come prendere la patente della moto.

Esame pratico patente A1 da privatista

Si può scegliere se affrontare l’esame da privatista o con una scuola guida.

Nel caso di esame da privatista, ci si deve far accompagnare da una persona con un’autovettura che ospiti l’esaminatore durante l’esameInoltre, è il candidato a dover procurare una moto avente le caratteristiche previste dalla normativa.

Per maggiori info, abbiamo preparato l’articolo sulle moto usate all’esame pratico della patente A.

La moto impiegata all’esame può essere:

  • di proprietà del candidato stesso
  • messa a disposizione da un soggetto terzo
  • presa a noleggio

Nel secondo caso va esibita una dichiarazione sostitutiva firmata dal proprietario. Se invece la moto viene noleggiata, va allegata una copia del contratto di noleggio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.