Patente a punti: le regole per non restare mai a secco!

Dal 1° luglio 2003 è stato introdotto il punteggio della patente per limitare i comportamenti scorretti dei conducenti. La patente a punti funziona così:

  • 20 punti iniziali
  • crescono se per 2 anni non si subisce decurtazione punti
  • crescono con un corso recupero punti
  • diminuiscono quando si commettono determinate violazioni
  • in caso di azzeramento si rifanno gli esami di teoria e pratica

Chi possiede il CAP KB o la CQC ha un ulteriore dotazione di 20 punti che vengono decurtati quando le violazioni vengono commesse “in servizio”, cioè quando guidiamo veicoli che le richiedono. Quando invece non stiamo usando il CAP o la CQC la decurtazione avviene sulla patente.

Patente a punti

In qualsiasi momento, per conoscere la dotazione della patente a punti, hai due possibilità:

  • Chiamare il numero 848 782 782
  • Collegarsi e registrarsi al sito del portale dell’automobilista (oppure cliccando qui)

Sottrazione punti patente

La perdita dei punti è prevista solo quando si compiono determinate violazioni, non per tutte.

Nell’allegato all’art. 126 – bis del CDS trovi la tabella di tutte le sanzioni che prevedono la decurtazione del punteggio. La violazione di queste norme può far perdere da 1 (per le meno gravi) a 10 punti (per le più gravi).

Di seguito trovi un elenco di quelle più comuni:

  • Mancato uso delle luci anabbaglianti: 1 punto
  • Sosta nello spazio riservato agli invalidi: 2 punti
  • Guida senza casco: 5 punti
  • Mancato uso delle cinture di sicurezza: 5 punti
  • Uso del cellulare: 5 punti
  • Eccesso di velocità superiore a 40 km/h e inferiore a 60 km/h: 6 punti
  • Mancata precedenza ai pedoni sulle strisce: 8 punti
  • Eccesso di velocità superiore a 60 km/h: 10 punti
  • Guida sotto l’effetto di alcol o droghe: 10 punti

Quando da un comportamento non consono derivino più violazioni che comportano la sottrazione di punti, possono essere decurtati al massimo 15 punti, eccetto per quei casi che comportano la sospensione o la revoca della patente.

I neopatentati subiscono una decurtazione doppia dei punti.

Ti ricordiamo infine, che si devono rifare gli esami di teoria e pratica quando un soggetto, entro i 12 mesi dalla prima violazione che causa la perdita di almeno 5 punti, commetta altre due infrazioni in momenti diversi che comportino la perdita di almeno 5 punti ciascuna.

In poche parole, quando in 12 mesi e in tre momenti diversi si perdono almeno 5 punti per ogni violazione.

Aumento punti patente

La normativa prevede un “premio” per i comportamenti virtuosi degli automobilisti incrementando il punteggio della patente. I casi nei quali si acquisiscono punti sono i seguenti:

  • 2 punti se, nel corso di un biennio, non si subisce decurtazione del punteggio, fino ad arrivare al massimo a 30 punti
  • Reintegro a 20 punti iniziali quando, dopo aver perso dei punti, non si commettono infrazioni che comportano decurtazione del punteggio per due anni
  • Tramite un corso recupero punti: si acquisiscono 6 o 9 punti a seconda della patente posseduta
  • Per i neopatentati è prevista l’attribuzione di 1 punto all’anno per i primi tre anni se non commettono infrazioni che comportano decurtazione del punteggio
  • Reintegro a 20 quando si consegue una nuova patente e precedentemente si aveva meno di 20 punti

Prosegui l’articolo alla prossima pagina…

Mattia Zorzetto

Mattia Zorzetto

Insegnante e istruttore di scuola guida dal 2015. Creatore di Portale Patente

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale