Esame pratico della patente A

L’ultima (e in molti casi l’unica) prova da sostenere per la patente della moto senza limitazioni è l’esame pratico della patente A. Esso si articola in 3 fasi:

  1. Preparazione alla guida e domande
  2. Percorsi
  3. Circolazione nel traffico

È possibile fare l’esame da privatisti: l’importante è utilizzare un veicolo che rispetti le caratteristiche previste dalla normativa. Se esso ha il cambio automatico, non puoi guidare moto con cambio manuale, fai attenzione!

La moto può essere tua, prestata da un soggetto terzo, noleggiata o di una scuola guida. È necessario esibire l’apposita documentazione a seconda dei casi (per esempio il contratto di noleggio o una carta firmata dal proprietario che ti presta la moto).

Inoltre devi essere accompagnato da una persona con un’autovettura che serve ad ospitare l’esaminatore durante l’esame.

Esame pratico della patente A

Per prima cosa dovrai indossare correttamente casco integrale, guanti, giacca con protezioni dei gomiti e delle spalle, scarpe chiuse, pantaloni lunghi e protezioni alle ginocchia. Successivamente potranno esserti poste delle domande sulla conoscenza e manutenzione del mezzo: controlli sugli pneumatici, verifica dei vari livelli dei liquidi, luci e clacson.

Fase 2: percorsi

Una volta superata la fase 1, arriva il momento di dimostrare la tua abilità con la moto: devi effettuare dei brevi percorsi segnati tramite dei coni. Per superare questa fase, devi tenere una velocità adeguata, senza abbattere nessun cono, uscire dai limiti, appoggiare i piedi a terra e non devi viaggiare in maniera scoordinata o pericolosa.

1) Il candidato deve percorrere lo slalom scostandosi dai coni il meno possibile e successivamente percorrere la curva
Esame pratico della patente A slalom

2) Il candidato deve percorrere il corridoio ad una velocità di almeno 30 km/h dopo una rincorsa di 15 mEsame pratico della patente A corridoio

3) Il candidato deve sfruttare il corridoio di lancio per raggiungere almeno i 30 km/h; successivamente deve aggirare l’ostacolo disegnato dai 4 coni (sulla destra o sulla sinistra) per poi riallinearsi entro il corridoioEsame pratico della patente A ostacolo

4) Il candidato deve percorrere la distanza X raggiungendo una velocità di almeno 30 km/h ed arrestarsi con la ruota anteriore dentro al quadrato disegnato dai 4 coniEsame pratico della patente A frenata

Fase 3: circolazione

In quest’ultima fase, l’esaminatore ti segue dietro in auto e ti dà le varie indicazioni tramite auricolare. Sostanzialmente devi circolare per strada nelle varie situazioni di traffico e dimostrare la tua conoscenza delle regole della strada: la prova nel traffico ha una durata di almeno 25 minuti. Una volta terminato l’esame, se sei promosso, ti viene consegnata subito la patente.

Se vuoi sapere come passare da una patente della moto ad un’altra leggi il nostro articolo sulle patenti per la moto.

Dal 2019 cambia l’esame di guida della patente A! Per tutte le novità, ecco a te nuovi percorsi esami moto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.