Documenti patente A1 per autoscuola e privatisti

Con questa guida scopri i documenti patente A1 necessari per l’iscrizione in autoscuola e da privatista.

Leggendo la guida conoscerai:

  • I requisiti per prendere la patente
  • I documenti che devi preparare per iscriverti
  • La procedura per ottenere la patente

Alla fine dell’articolo saprai organizzarti per l’iscrizione.

Questo articolo fa per te se:

  • Devi conseguire la patente A1
  • Vuoi sapere cosa ti serve per l’iscrizione
  • Vuoi organizzarti in anticipo
  • Vuoi avere le idee chiare su bollettini e visite mediche
  • Vuoi arrivare già preparato

Requisiti patente A1

I requisiti per prendere la patente A1 sono i seguenti:

  • Età minima 16 anni
  • Residenza in Italia
  • Non avere specifiche condanne

Riguardo la residenza, ti basta la cosiddetta residenza normale.

La ottieni quando soggiorni nel territorio italiano per almeno 185 giorni all’anno per:

  • Interessi personali e professionali
  • Missioni a tempo determinato anche inferiori a 185 giorni
  • Qualifica di studente nel territorio nazionale.

Se sei cittadino extracomunitario ti serve la residenza anagrafica.

Riguardo le specifiche condanne, non puoi ottenere la patente se sei:

  • dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza
  • sottoposto a misure di sicurezza personali o a misure di prevenzione
  • condannato per reati di spaccio di stupefacenti, fatti salvi i provvedimenti riabilitativi

Documenti patente A1

I documenti per l’iscrizione sono gli stessi per i privatisti e gli allievi delle autoscuole.

Puoi fare l’iscrizione a partire dal giorno successivo a quello del tuo compleanno. Non prima dei 16 anni minimi richiesti.

Per iscriverti alla patente ti servono:

  • Modulo di iscrizione – modello TT2112 (firmato dal genitore/tutore se il candidato è minorenne) – annota anche mail o numero di telefono.
  • Ricevuta dei seguenti bollettini PAGOPA:
    • Tariffa “N067 – ESAME DI TEORIA CONSEGUIMENTO PATENTE DI GUIDA” (42,40 €)
    • Tariffa “N019 – ESAME DI PRATICA CONSEGUIMENTO PATENTE DI GUIDA” (16,00 €)
    • Tariffa “N019 – IMPOSTA DI BOLLO” (necessaria per il certificato medico – 16,00 €)
  • Certificato anamnestico rilasciato dal tuo medico di base.
  • Ricevuta del certificato medico dematerializzato di un ufficiale sanitario e sua fotocopia.
  • Eventuale certificazione DSA (per usufruire del tempo aggiuntivo all’esame di teoria).
  • 3 foto tessera recenti e a capo scoperto (tranne per motivi religiosi).
  • Fotocopia di un documento d’identità (non vale la ricevuta della richiesta di rilascio della Carta d’Identità Elettronica). Va bene anche il passaporto.
  • Fotocopia del codice fiscale.
  • Fotocopia della patente, se ne hai già una.
  • Dichiarazione di residenza, se non corrisponde a quella indicata nel documento personale.
  • Fotocopia del documento d’identità del genitore/tutore se chi prende la patente è minorenne.

Fai attenzione se eventualmente ci sono delle tariffe specifiche per alcune regioni. Le trovi nell’elenco quando devi scegliere la tariffa.

Bollettini patente

Devi pagare, in totale, 3 bollettini tramite il circuito PAGOPA. Lo puoi fare accedendo alla tua area privata nel sito del Portale dell’Automobilista.

Ti serve lo SPID oppure la CIE (carta d’identità elettronica).

Dopo aver effettuato il pagamento devi scaricare e stampare la ricevuta creata dal sito.

Devi sempre pagare la tariffa N067. Anche se non fai l’esame di teoria.

La tariffa N019 vale come imposta di bollo per il certificato medico dematerializzato. Non puoi effettuare la visita medica se prima non l’hai pagata.

Sostituisce la marca da bollo che si usava fino a un po’ di tempo fa.

L’ordine di pagamento dei bollettini è il seguente:

  1. Bollettino tariffa N019: prima della visita medica con l’ufficiale sanitario
  2. Bollettino tariffa N067: prima dell’iscrizione
  3. Bollettino tariffa N019: per prenotare l’esame di guida

Per praticità ti consiglio di pagarli tutti insieme. Inoltre eviti viaggi aggiuntivi per consegnare le varie ricevute di pagamento.

I bollettini devono essere intestati a nome di chi consegue la patente.

Ti ricordo che dove espressamente indicato, alcune regioni potrebbero avere bollettini con codici tariffa diversi.

Li vedi nell’elenco delle varie tariffe quando le selezioni per pagarle.

Pagamento bollettini patente online

Per pagare online i bollettini patente devi collegarti al sito del portale dell’automobilista.

Registrati e accedi con lo SPID o CIE (carta d’identità elettronica).

Una volta effettuato l’accesso segui i seguenti passaggi:

  1. Clicca su “PROFILO” in alto a destra
  2. Clicca su “Accesso ai servizi” nella barra a sinistra
  3. Clicca su “Pagamento pratiche online PagoPA” sempre nella barra di sinistra
  4. Clicca su “Nuovo Pagamento” nella finestra che si apre
  5. Seleziona la tariffa e poi aggiungila al carrello (la causale si riempie in automatico)
  6. Procedi al pagamento inserendo i dati di chi deve conseguire la patente
  7. Scarica la ricevuta di pagamento e allegala alla tua pratica
  • pagamento online bollettini patente passaggio 1
  • pagamento online bollettini patente passaggio 2
  • pagamento online bollettini patente passaggio 3
  • pagamento online bollettini patente passaggio 4
  • pagamento online bollettini patente passaggio 5

Mi raccomando. I bollettini devono essere intestati a nome di chi consegue la patente.

Ti ricordo inoltre che dove espressamente indicato alcune regioni potrebbero avere bollettini con codici tariffa diversi.

Li vedi nell’elenco delle varie tariffe quando le selezioni per pagarle.

Certificato medico patente

Devi fare due visite mediche per la patente:

  1. Quella del tuo medico di base
  2. Quella dell’ufficiale sanitario

Segui questo ordine preciso. La visita del tuo medico di base serve per poter effettuare quella dell’ufficiale sanitario.

Devi quindi andare dal tuo medico di base e chiedergli il certificato anamnestico per il conseguimento della patente.

Ottenuto questo, vai da un ufficiale sanitario entro 30 giorni. Effettui così la seconda visita e ottieni il certificato medico dematerializzato.

Quest’ultimo certificato ti permette l’iscrizione entro 3 mesi dal suo rilascio. Se fai passare troppo tempo, devi rifarlo.

Un chiarimento. La validità del certificato medico è calcolata per l’iscrizione. Significa che devi iscriverti entro 3 mesi. Non che devi prendere la patente entro 3 mesi.

I medici ufficiali sanitari abilitati ad effettuare la visita sono:

  • Medici dipendenti delle unità sanitarie locali
  • Medici appartenenti ai ruoli del Ministero della salute
  • Medico appartenente al ruolo sanitario della Polizia di Stato
  • Medico appartenente al ruolo sanitario del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco
  • Medici militari in servizio permanente effettivo
  • Ispettore medico delle Ferrovie dello Stato
  • Ispettore medico del ministero del lavoro e delle politiche sociali

Solitamente li trovi presso le autoscuole e le sedi ACI.

I seguenti casi necessitano invece di Commissione Medica Locale:

  • mutilati e minorati fisici
  • soggetti mandati dall’ufficiale sanitario di cui sopra
  • coloro per i quali è fatta richiesta dal prefetto o dalla Motorizzazione

La Commissione Medica Locale è un insieme di medici che effettuano controlli specifici più approfonditi.

Sono quindi casi particolari con tempi d’attesa solitamente più lunghi. Organizzati con un certo anticipo per evitare sorprese.

Il certificato della Commissione Medica Locale vale 6 mesi invece che 3.

Documenti patente per extracomunitari

Se sei cittadino extracomunitario, oltre ai documenti sopra indicati, devi consegnare anche:

  • permesso di soggiorno: copia, copia autenticata o copia semplice con dichiarazione sostitutiva di atto notorio di conformità all’originale
  • in alternativa, copia della carta di soggiorno
  • se sei in attesa del rinnovo per scadenza o del primo rilascio del permesso di soggiorno, presenta:
    • copia del documento di identità + copia della ricevuta della richiesta di primo rilascio
    • copia del documento di identità + copia del permesso di soggiorno scaduto + copia della ricevuta della richiesta di rinnovo

Conseguimento patente A1

Per prendere la patente A1 devi superare 2 esami. Uno di teoria e uno di guida.

La procedura è quindi la seguente:

  1. Iscrizione
  2. Esame di teoria a quiz
  3. Esame di guida

Puoi fare:

  • Tutto con l’autoscuola
  • Tutto da privatista
  • Un esame da privatista e uno con l’autoscuola

In caso di passaggio da privatista ad autoscuola o viceversa, devi pagare un bollettino aggiuntivo di 10,20 € (cosiddetto “cambio codice”). Considera inoltre che l’autoscuola ti chiederà un suo costo di iscrizione.

La tempistica a disposizione è la seguente:

  • 6 mesi e 2 tentativi per la teoria
  • 1 anno e 3 tentativi per la pratica

Vuoi approfondire la procedura completa per prendere la patente? Ecco a te gli articoli in cui ne parlo:

Libro patente A1

Se hai paura di non avere abbastanza tempo per prepararti o che l’esame vada male sei nel posto giusto.

Ti capisco perché ci sono già passato. Non è colpa tua. È che nessuno ci spiega un metodo e i trucchi per passare l’esame della patente.

Non ci insegnano a nuotare. Ci buttano in acqua e dobbiamo a restare a galla in qualche modo.

So quanto è brutto andare a tentativi e rischiare di buttare tempo e soldi.

Proprio per questo ho creato un Metodo specifico per l’esame della patente.

Si chiama Patente in 7 Giorni. È il Primo Sistema che ti prepara per l’esame in 7 Giorni.

Clicca qui per sapere come studiare tutto in poco tempo e conoscere le trappole che ti tendono all’esame:

➔ https://portalepatente.it/patente-in-7-giorni/

clicca qui libro patente b online
Mattia Zorzetto

Mattia Zorzetto

Insegnante e istruttore di scuola guida dal 2015. Creatore di Portale Patente

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale