Multa contrassegno invalidi: uso scorretto

Le persone diversamente abili godono di particolari tutele da parte del Codice Della Strada. Solitamente possono usare dei parcheggi a loro riservati, entrare nelle zone a traffico limitato, percorrere corsie riservate e parcheggiare senza limiti nei parcheggi a tempo. Questo a patto di esibire sul parabrezza l’apposito contrassegno. Cosa succede se questo è scaduto oppure viene usato impropriamente? La multa contrassegno invalidi è di due tipi:

  • uso improprio o mancanza: multa € 87 – 344 + sottrazione di 2 punti
  • uso non corretto delle strutture riservate agli invalidi: multa € 42 – 173

Multa contrassegno invalidi

Il contrassegno invalidi è strettamente personale e deve essere in corso di validità. L’uso corretto prevede che venga esposto sul parabrezza. Inoltre, la persona diversamente abile deve essere alla guida del veicolo o comunque un passeggero in quel momento.

Non puoi quindi “approfittare” dei vantaggi del contrassegno invalidi se la persona diversamente abile non viene accompagnata nella specifica situazione.

Per esempio, puoi occupare un parcheggio per gli invalidi fuori dall’ospedale quando vai a prendere il titolare del contrassegno che sta uscendo da una visita medica. Non lo è se ritiri gli esiti di un suo esame, ma egli è a casa che ti aspetta.

La multa che va da € 87 a € 344 e la sottrazione di 2 punti è prevista per contrassegno:

  • non esposto (c’è anche la rimozione del veicolo)
  • scaduto
  • esposto in fotocopia e non in originale
  • di un’altra persona
  • persona invalida non presente (abuso del contrassegno)

La multa che va da € 42 a € 173 è prevista per uso non corretto delle strutture per invalidi.

In questo caso parliamo di un invalido a bordo e dotato di regolare contrassegno, ma che non rispetta particolari regole nell’uso degli spazi riservati.

Per esempio usa un parcheggio riservato ad una specifica autorizzazione della quale è indicato il numero.

Ti ricordo infine che un veicolo con contrassegno invalidi non può mai essere oggetto di rimozione. Al massimo viene spostato in un luogo più sicuro se sta creando pericolo o intralcio alla circolazione.

Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su telegram
Condividi su print
Mattia Zorzetto

Mattia Zorzetto

Insegnante e istruttore di scuola guida dal 2015. Creatore di Portale Patente

8 risposte

  1. è stata fatta una multa per una sosta in divieto di fermata per carico e scarico con contrassegno disabile ben esposto. Posso contestare?
    Grazie

    1. Salve, vi sono correnti di pensiero differenti in proposito.
      C’è chi dice che non è contestabile perché il divieto è imposto direttamente dalla legge nazionale (nello specifico l’art. 158, comma 2, lettera e) del Codice Della Strada).
      Altri che la sosta è possibile se non crea pericolo o intralcio alla circolazione e non sono disponibili appositi spazi riservati alle persone invalide.
      A mio parere prevale la prima interpretazione

  2. Buongiorno, fermo restando che ho grande rispetto per chi ha problemi di deambulazione o invalidità, ho un grosso dubbio sul quale non riesco a trovare risposta: se un titolare di autorizzazione occupa il parcheggio per disabile non esclusivo e lo occupa per diverse ore o giorni perchè il parcheggio è proprio davanti alla sua abitazione, in cosa incorre?..esiste un limite temporale per occupare un parcheggio che dovrebbe essere utilizzato da parte di tutti i disabili.?..grazie mille.

  3. Buon giorno, vorrei una delucidazione sulle zone ZTL per quanto riguarda i disabili,e mai possibile che si debba ogniqualvolta che vi si percorre questi tratti di strada,si debba comunicare ogni volta 24/48 ore prima al comune di appartenenza?? Grazie

  4. BUONGIORNO, sabato sono stata fermata dai vigili urbani in una strada statale a libera percorrenza e mi è stato contestato che sul cruscotto era esposto il permesso disabili (senza che il disabile fosse a bordo). Premetto che la macchina è intestata al disabile (che la usa regolarmente) che il disabile è mio marito e che io stavo utilizzando la sua macchina senza abusare delle agevolazioni previste in quanto stavo percorrendo una strada a libera circolazione. Sono obbligata a togliere il permesso dal cruscotto ogni qualvolta utilizzo la macchina senza il disabile a bordo? Spero di essere stata chiara. Grazie Roberta Saffioti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Portale Patente è su YouTube
con tanti tutorial su guida e circolazione stradale